.vc_custom_1460045288524{margin-top: 35px !important;}.vc_custom_1460045280341{margin-top: -51px !important;}.vc_custom_1484686962990{margin-top: 22px !important;margin-right: -23px !important;margin-left: -30px !important;padding-top: 150px !important;padding-bottom: 50px !important;}
Info

Nuovo Centro Di Risonanze Magnetiche Per Il Polo Scientifico Fiorentino

 

Lo spazio è definito, gli allineamenti sono dati; eppure questo progetto si incunea, e a suo modo irrompe nella continuità esistente e preordinata del Piano. Il gesto architettonico prende le mosse dal suo elemento centrale: l’edificio dei nuovi magneti, centro di eccellenza e di ricerca a livello europeo. L’elemento ellissoidale, come nella fisica, è nucleo di questa architettura; e ne diviene generatore creando un segno, che si differenzia dal resto, e che si manifesta in maniera evidente all’esterno rompendo le modularità suggerite dal Piano Detti. L’impianto architettonico è caratterizzato da un corpo principale a L su due piani che richiama specularmente l’edificio principale esistente sullo stesso lotto ma sullo spigolo opposto. I due bracci dell’edificio sono caratterizzate da finiture di facciata diversificate. La facciata su via Detti  si presenta come un segno forte e distinto  dal resto, il suo aspetto formale ellissoidale richiama ciò che succede all’interno della corte, l’eleganza del suo movimento viene accentuata da una precisa scelta di materiali. La facciata metallica si dipana sotto gli occhi dell’osservatore, bianca , quasi diafana, con piccole aperture. Sull’altro fronte il metallo si incontra con blocchi in cls splittato che richiamano la pietra pur distinguendosi per la colorazione accesa. Al centro si staglia il corpo generatore di forma ellissoidale su un solo piano di oltre 7 ml in altezza, che contiene il nuovo laboratorio dei grandi magneti. Questo elemento ha ossatura in legno che si rivela anche all’interno,  ed è rivestito in lastre di alluminio grecato preverniciato. Tutti i materiali impiegati hanno caratteristiche fisiche tali da non alterare o condizionare gli esperimenti svolti all’interno dei laboratori e nello specifico non influenzano il comportamento dei magneti. La fruizione corretta degli spazi incontra l’architettura, ne risulta un’opera “nuova” che si distingue rispetto a ciò che la circonda e si incastona comunque in maniera misurata in un contesto fortemente definito.

 

  • PROGETTISTI:  Marcon Architetti
  • LOCALIZZAZIONE:  ITALIA, Sesto Fiorentino (FI)
  • COMMITTENZA:  Università degli Studi di Firenze
  • TIMING: 2000-2005
  • SUPERFICIE COSTRUITA: 1.189 mq
  • PRESTAZIONI ESEGUITE:  Progettazione Definitiva ed Esecutiva, Direzione Lavori, Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione

 

 

+ Sanità e Centri Ricerca